Motorradurlaub im Regitnig am Weissensee in Kärnten
Gruppenurlaub mit dem Motorrad im Regitnig
Motorradausfahrten auf Pässe & Natur
Motociclette in Carinzia - Austria

Vacanza in moto e tour in moto in Carinzia

Una vacanza in moto al Regitnig Hotel & Chalets a Weissensee in Carinzia comprende rally indimenticabili attraverso le valli incontaminate.

Tour in moto dal Großglockner fino all’Adriatico. Sia attraverso le Dolomiti, sia attraverso le Alpi carniche o le Alpi Giulie – i tour in moto attraverso la Carinzia, l’Austria, la vicina Italia e la Slovenia sono fantastici.

Vantaggi per i motociclisti al Regitnig Hotel & Chalets:

  • Postazione per il lavaggio e garage gratuito per le motociclette
  • Locale per asciugare gli indumenti dei motociclisti
  • Cassetta degli attrezzi per le piccole riparazioni
  • Servizio di trasporto della moto e del pilota in caso di guasto
  • Tavola rotonda dei motociclisti con consigli personalizzati sui tour in moto
  • Angolo informazioni dei tour in moto
  • PC internet gratuito per i tour GPS
  • Wi-Fi gratuito
  • Garage parcheggio moto

Il Regitnig Hotel & Chalets è membro certificato degli hotel alpini per i motociclisti.

Consigli di Motorcycle Tours da Regitnig Hotel & Chalets in Carinzia

Passo Stalle e Lago di Braies

Passo Stalle e Lago di Braies

Weissensee - Drautal – Lienz – Huben – St. Jakob im Defreggental – Passo Stalle – Rasun di sopra – Niederdorf – Lago di Braies – San Candido – Sillian – Strassen – Kartitsch – Maria Luggau – Kötschach-Mauthen – Hermagor – Passo di Monte Croce di Comelico - Weissensee

Ca. 310 km, tempo di percorrenza circa 5 ore, tour facile

Indicazione Google Maps

Descrizione del tour:

Attraverso la Drautal superiore lungo la B 100 si va verso il Tirolo orientale dopo Lienz. Un’atmosfera fantastica, meridionale di una città conciliante in mezzo alle Dolomiti di Lienz. Interessante è il Castello di Bruck e il Museo Egger – Lienz. A Lienz c’è anche la possibilità di fare benzina a buon mercato. Si continua verso Matrei. Dopo circa 20 km a Huben girare a sinistra verso St. Jakob im Defreggental a Passo Stalle (2052 m). Attenzione: Controllare il semaforo al Passo Stalle! Il viaggio verso l’Italia è possibile ogni ora da 0 a 15 minuti e il viaggio dall’Italia all’Austria da 30 a 45 minuti. Si continua nella Valle di Anterselva, verso Valdaora in Alto Adige. Sulla E 66, svoltare a sinistra in direzione San Candido. 

A metà strada in una valle laterale esposta a sud si trova il Lago di Braies a 1494 m sul livello del mare, in mezzo all’imponente massiccio del Seekofel 2810 m. successivamente la strada conduce a San Candido e Sillian dino a Strassen, dove si gira a destra in direzione di Kartitsch lungo la strada delle Dolomiti carniche a Lesachtal. Passata Maria Luggau (da vedere il santuario) verso Kötschach-Mauthen e attraverso il Gailtal Superiore a Hermagor. Svoltare a sinistra e attraverso il Passo Kreuzberg (1077 m) si raggiunge di nuovo il Weissensee. 

Strada alpina del Großglockner

Strada alpina del Großglockner

Weissensee – Drautal Superiore – Dölsach – Iselsberg – Heiligenblut – Strada alpina del Großglockner – Bruck – Schwarzach – Wagrain – Altenmarkt – Radstadt – Obertauern – Mauterndorf – St. Michael – Katschberg – Gmünd – Spittal – Greifenburg - Weissensee

Ca. 350 km, Durata circa 5-6 ore, tour con difficoltà media

Indicazioni Google Maps

Descrizione del tour:

Attraverso la strada della Drautal B 100 in direzione Lienz. A Dölsach svoltare a destra verso  Iselsberg. Qui si può godere uno splendido panorama sulle Dolomiti di Lienz. Continuare attraverso la Mölltal in direzione di Heiligenblut, passando davanti alle scroscianti cascate della strada alpina del Großglockner. A Heiligenblut trovate lo straordinario santuario gotico con l’adiacente cimitero degli scalatori di montagna. Oltre alla strada alpina del Großglockner costruita nel 1924 – 48 km di puro piacere di guidare. La prima tappa è sul Kaiser Franz Josefs Höhe (2369 m). qui si ha un panorama straordinario sul monte più alto dell’Austria, il Großglockner (3798 m), e sul ghiacciaio più lungo delle Alpi orientali, il Pasterze. Decine di marmotte scorrazzano accanto ai visitatori e, con un po’ di fortuna, è possibile vedere anche gli stambecchi. Il tour continua a Hochtor (2503 m) e Fuscher Törl – Edelweißpitze (il punto più alto della strada alpina del Großglockner, 2571 m). qui si ha una splendida vista panoramica Ca. 330 km, tempo di percorrenza circa 4–6 ore, tour di media difficoltà su oltre 30 tremila.

In discesa si va attraverso Bruck – Schwarzach – Wagrein verso Radstadt. Qui attende la prossima sfida con il Radstädt Tauern (1739 m). la strada di montagna lunga quasi 40 km passa attraverso Obertauern fino a Mauterndorf. Le condizioni molto buone della strada tentano alcuni motociclisti a guidare velocemente; ma non è questo lo scopo – l’incrocio è annunciato. A St. Michael si raggiungono i piedi del Katschberg. Fino a Katschberg (1641 m), attraverso la Liesertal, dopo Gmünd e Spittal/Drau attraverso la Drautal di nuovo al punto di partenza.

Tour di Sauris

Tour di Sauris

Weissensee - Hermagor – Nassfeld – Pontebba – Val d’Aupa – Dordolla – Moggio – Tolmezzo – Ampezzo – Sauris – Prato – Comeglians – Paluzza – Timau – Plöckenpass – Kötschach- Mauthen – Gailberg Sattel – Oberdrauburg – Greifenburg – Passo Monte Croce – Weissensee

Ca. 280 km, tempo di percorrenza ca. 4–5 h, tour di difficoltà media

Indicazioni Google Maps

Descrizione del tour:

Da Weissensee attraverso Hermagor a Richtung Tröpolach si procede fino a Nassfeld (Passo Pramollo, 1552 m), attraverso il più grande comprensorio sciistico della Carinzia fino a Pontebba in Italia. Si continua attraverso l’interessante Val d’Aupa verso Moggio e Tolmezzo. Richtung Moggio und Tolmezzo. Dopo aver superato la rotatoria a Tolmezzo, si procede verso Ampezzo, dove si svolta a destra per Sauris. Quindi si procede lungo una strada molto stretta e tortuosa, con un tunnel in parte non illuminato, lungo la Lumischlucht fino a Sauris a 1400 m (comune più alto del Friuli).

Sauris è un’isola linguistica – qui nella vita quotidiana si parla per lo più lo „Zahrisch“. I primi abitanti giunsero qui verso la metà del XII secolo da alcune valli di confine tra il Tirolo e la Carinzia e così hanno sviluppato un linguaggio che esiste ancora oggi. Il prosciutto di Sauris è noto come una prelibatezza. Un prosciutto condito con erbe di montagna e leggermente affumicato. Vi sono molti bei ristoranti. Si continua attraverso il Sella di Razzo (Razzosattel) e alla fine della strada del passo, si gira a destra verso Prato e Comeglians a Paluzza. La strada continua poi fino a Timau attraverso il Plöckenpass a 1360 m fino a Kötschach-Mauthen. Qua si procede verso nord oltre il Gailbergpass verso Oberdrauburg. Qui si svolta a destra e il resto del percorso si snoda lungo la Drautal superiore in direzione Greifenburg-Weissensee e attraverso il Kreuzbergpass (1077 m) e si ritorna a Weissensee.

Parco Nazionale del Triglav

Parco Nazionale del Triglav

Weissensee - Hermagor – Nötsch – Arnoldstein – Richtung Radendorf – Wurzenpass – Kranjska Gora – Richtung Vrsič – Soča – Passo di Predil – Sella Nevea – Chiusaforte – Moggio – Val d’Aupa – Dordolla – Pontebba – Passo Pramollo – Hermagor - Kreuzbergpass - Weissensee

Ca. 255 km, Tempo di percorrenza circa. 4–5 h, Tour di difficoltà media

Indicazioni Google Maps

Descrizione del tour:

Da Weissensee attraverso Hermagor direzione sud-est lungo la B 111 verso Arnoldstein. Dopo Hart, svoltare verso Kranjska Gora – Slovenia. Attraverso il Wurzenpass (1073 m) – con le sue strade strette e tortuose, con una pendenza fino al 18%, è offerto un piacere molto speciale. Lungo la Sava inizia una strada molto difficile verso Vrsič-Pass. Il Vrsič-Pass di 1611 m è il passo di montagna più alto della Slovenia e fornisce il collegamento tra Kranjska Gora e la Trentatal. I 48 tornanti, nella parte settentrionale del valico, sono formati parzialmente da ciottoli. Sull’Am Vrsič-Pass si ha una splendida vista panoramica sul Parco Nazionale del Triglav.

Si procede verso Soča e Predelau (Predil), in Italia. Chi lo desidera può effettuare una deviazione attraverso la strada del Mangart lunga circa 12 km verso Mangarthütte (1906 m) ai piedi del Mangart alto 2677 m. La salita sul Mangart dalla baita dura circa 2 ore – lo splendido panorama sulla vetta è la ricompensa per lo sforzo. Nella valle il percorso prosegue verso Sella Nevea, Chiusaforte, verso Moggio. Qui si procede nella meridionale Val d’Aupa verso Pontebba. Qui ci aspetta il Nassfeldpass (Passo di Pramollo) a 1552 m. La discesa sul versante austriaco offre grani curve e tornanti, che, grazie alle buone condizioni stradali, fanno battere il cuore di ogni motociclista. Attraverso il Passo di Monte Croce si ritorna verso Weissensee. 

Parco Nazionale Nockberge e Strada alpina Maltatal

Parco Nazionale Nockberge e Strada alpina Maltatal

Weissensee - Drautal – Spittal – Seeboden – Treffling – Gmünd – Kremsbrücke – Innerkrems – Nockalmstraße – Ebene Reichenau – Bad Kleinkirchheim – Döbriach – Ferndorf – Olsach – Zlan – Stockenboi – Riva orientale Weissensee – Boden – Kreuzen – St. Stefan – Hermagor – Passo Monte Croce - Weissensee

Ca. 280 km, Tempo di percorrenza circa 4–5 h, Tour di difficoltà semplice

Itinerario Google Maps

Descrizione del tour:

Il fascino del Parco Nazionale Nockberge ha ispirato ogni motociclista. Si inizia a Weissensee, attraverso il Passo di Monte Croce (1077 m) verso Greifenburg, e sulla B 100 verso Spittal/Drau. Qui merita una visita il Castello Porcia con il museo informativo. A Spittal vi è la possibilità di fare il pieno a buon mercato.

Si continua verso il Millstätter See. A Seeboden la strada si biforca in 2 rotatorie verso Treffling, e su una strada stretta si procede attraverso la Liesertal verso Gmünd. Gmünd è la città medievale meglio conservata della Carinzia, ed è da vedere anche il museo automobilistico della Porsche. Una deviazione conduce attraverso la Maltatal e attraverso la strada alpina di Maltatal all’imponente Kölnbreinsperre, la diga più grande dell’Austria a 2000 m. Da Gmünd si procede verso Kremsbrücke, svoltare a destra verso Innerkrems, e si continua lungo una delle più belle strade di montagna dell’Austria: la Nockalmstraße, 34 km di piacere puro per i motociclisti. Ci si può riposare presso delle locande e dei rifugi pittoreschi sui cui tavoli arrivano i veri piatti della cucina carinziana. Successivamente, il percorso procede verso Bad Kleinkirchheim, Radenthein, Döbriach. Quindi si prosegue attraverso il Glanz (vista meravigliosa sul Millstättersee) verso Ferndorf in direzione Stockenboi sulla riva orientale del Weissensee. Natura allo stato puro. Dopo una breve pausa si prosegue verso Boden e Kreuzen, attraverso il Windische si ritorna a Hermagor e attraverso il Passo di Monte Croce a Weissensee.

Tour dei Tre Stati

Tour dei Tre Stati

Weissensee – Spittal – Feistritz - Villach – Wernberg – St. Niklas – Rosegg – St. Jakob – Feistritz/Rosental – Loiblpass – Trizic – Lesce – Bled – Bohinjska Bistrica – Bohinjska-See – Bohinjska Bistrica – Podbrdo – Tolmin – Kobarid – Bovec – Cave del Predil – Tarvisio – Hohenthurn – Nötsch – Hermagor – Passo di Monte Croce - Weissensee.

Ca. 350 km, tempo di percorrenza circa 6–7 h, tour di difficoltà media

Indicazioni Google Maps

Descrizione del tour:

Attraverso la Drautal superiore lungo la B 100 si procede verso il Tirolo orientale dopo Lienz. Una città con un meravigliosa atmosfera meridionale in mezzo alle Dolomiti di Linz. Interessante è il Castello di Bruck e il Museo Egger-Lienz. A Lienz vi è la possibilità di fare benzina a buon mercato. Si continua in direzione di Matrei. Dopo circa 20 km a Huben, svoltare a sinistra per St. Jakob im Defreggental a Passo Stalle (2052 m). Attenzione: controllare il semaforo a Passo Stalle! È possibile procedere verso l’Italia ogni ora da 0 a 15 minuti e dall’Italia verso l’Austria dal 30° al 45° minuto. Si continua verso l’Anterselva, verso Valdaora in Alto Adige. Sulla E 66 svoltare a sinistra in direzione di San Candido. A metà strada si trova il lago di Braies in una valle laterale che si estende per 1494 metri sul livello del mare, tra l’imponente massiccio del Seekofel 2810 m. Si continua verso Innichen e Sillian fino a Strassen, qua girare a destra verso Kartitsch sulla strada della Dolomiti carinziane a Lesachtal. Superato Maria Luggau (bellissimo santuario) procedere verso Kötschach-Mauthen e attraverso la Gailtal superiore fino a Hermagor. Qua svoltare a sinistra e attraverso il passo di Monte Croce (1077 m) si raggiunge di nuovo il Weissensee. 

Strada delle Dolomiti carniche e Lesachtal italiana

Strada delle Dolomiti carniche e Lesachtal italiana

Weissensee – Greifenburg - Lienz – Leisach – Pustertaler Höhenstraße – Abfaltersbach – Sillian – Innichen – Sexten – Santo Stefano di Cadore – Sappada – Comegliàns –Cercivento – Paluzza – Plöckenpass – Kötschach-Mauthen – Hermagor – Weissbriach - Weissensee 

 

Ca. 280 km, tempo di percorrenza circa 6 h, tour di difficoltà media

Itinerario Google Maps

Descrizione del tour:

Da Weissensee si procede lungo la Drautal verso Lienz, qui si va lungo la strada della Val Pusteria che ha il suo punto più alto a 1800 metri. Questa terrazza assolata offre un paesaggio da sogno con una struttura in gran parte rurale, con usanze conservate e molti siti culturali come il castello di Anras. Consiglio: Il delizioso agnello di montagna del Tirolo orientale presso il ristorante dell’hotel Pfleger (1 cappello) ad Anras. Ad Abfaltersbach si torna sulla B 100 e dopo aver attraversato il confine austriaco a Sillian, si continua il tour in Alto Adige. A Innichen svoltare a sinistra per Sesto e attraverso il passo di Monte Croce fino a Santo Stefano in Cadore. Dopo Sappada si supera il Sappadapass alto 1292 m e si prosegue lungo la SS 355 verso Comegliàns. Attraversato Cercivento, si prosegue verso Paluzza e attraverso il Plöckenpass (Passo di Monte Croce Carnico) si torna in Carinzia. Attraverso Kötschach-Mauthen passando per la Gailtal e Hermagor si ritorna a Weissensee.

Prenota
Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità orientata alle tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento tranne che al link sopra indicato, acconsenti automaticamente all’uso dei cookie.
OK